Via alla proroga dei Contratti Covid per il personale ATA

Allo scoppio dell’emergenza Covid-19, il Ministero dell’Istruzione ha deciso di aprire le graduatorie ad un numero consistente di nuovi collaboratori.


Tutti questi lavoratori, scelti tra il personale docente e il personale ATA, hanno firmato un “contratto covid”, che sarebbe dovuto durare fino al 31 Dicembre 2021.

Attualmente, il contratto dei docenti è stato prorogato fino al 30 Giugno del prossimo anno - fine dell’anno scolastico - mentre quello ATA è ancora in fase di giudizio.


I sindacati si sono impegnati nei mesi precedenti per offrire ai lavoratori una risposta concreta, che potesse soddisfare la necessità di informazione.


Abbiamo finalmente ricevuto una risposta, che arriva direttamente dalla Sottosegretaria dell’Istruzione, Barbara Floridia.

Non c’è ancora un mandato ufficiale, ma tutte le voci sembrano essere a favore della proroga anche per il personale ATA.


L’annuncio di Barbara Floridia


Barbara Floridia, ha tenuto un lungo discorso alla Camera dei Deputati, rispondendo alle domande più impellenti del panorama scolastico.

Ha commentato la situazione delicata dell’algoritmo delle assunzioni e, ovviamente, anche dell’organico Covid.


Queste le sue parole in relazione alla possibile proroga dei contratti per il personale ATA:


So, da donna di scuola, quanto sia importante il lavoro del personale tecnico-amministrativo. È mia ferma decisione trovare le soluzioni per valorizzare la figura del DSGA. Tutte le iniziative per mettere in sicurezza le scuole non avrebbero prodotto i risultati che hanno prodotto senza il contributo del personale Ata. In legge di bilancio abbiamo rinnovato le risorse per i docenti fino al 30 giugno: ora è nostra volontà mettere in essere ulteriori iniziative per prorogare anche i contratti dell’organico Covid per gli Ata, prorogati attualmente fino al 31 dicembre, perché siamo coscienti che contribuiscono a garantire la sicurezza nelle scuole, molto importante in questo periodo


La conferma sembra essere sempre più vicina, se non quasi del tutto certa, ed i lavoratori possono cominciare a tirare un sospiro di sollievo.


E’ stato un anno difficile, ed il prossimo si prospetta altrettanto complesso. Le scuole hanno ancora bisogno di tutto l’aiuto possibile, così da poter tornare presto alla normalità.



238 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti