Proroga Contratti Covid: novità e aggiornamenti


L’ultima Legge di Bilancio, ha stanziato 400 milioni di euro in difesa della Scuole, con lo scopo di consentire la proroga di tutti i Contratti Covid fino alla fine dell’anno scolastico.

I docenti che hanno aiutato gli istituti a risollevarsi dalla pandemia, hanno dunque diritto a proseguire nella professione fino a inizio Luglio.


Tuttavia, la somma stanziata non è sufficiente a coprire tutti gli stipendi e, contemporaneamente, aiutare le scuole a mantenere i ritmi di sicurezza attuali.

E’ necessario versare ancora di più e, soprattutto, farlo il più in fretta possibile. Presidi e responsabili sono già a corto di fondi, e richiedono il supporto immediato del governo.


Di seguito, riportiamo la richiesta ufficiale della FLC CGIL (Federazione lavoratori della conoscenza). Il loro obbiettivo, è quello di ottenere la copertura finanziaria necessaria alla proroga dei contratti Covid del personale docente e ATA fino a Giugno.


I punti della richiesta


La Federazione chiede l’aggiunta di altri 200 milioni di euro per i contratti covid.

La somma verrà utilizzata per ripagare tutti i docenti e tutti i membri del personale ATA che hanno ottenuto la proroga del proprio contratto fino a Giugno 2022.


Inoltre, la FLC chiede al governo una serie di provvedimenti ed attenzioni per prepararsi ad affrontare il prossimo anno scolastico:


- Il potenziamento degli organici docenti e ATA;

- Una revisione del numero degli alunni per classe, in modo da favorire la formazione di classi meno numerose;

- La rimozione del blocco della mobilità per i docenti e per i DSGA;

- La rimozione dei limiti per la mobilità interregionale dei Dirigenti Scolastici;

- La proroga delle disposizioni per coprire i posti DS e DSGA delle scuole con almeno 500 alunni negli a.s. 22/23, 23/24 e 24/25;

- Un investimento straordinario su Sidi per la semplificazione delle procedure amministrative.

- La creazione di una procedura di selezione per gli assistenti amministrativi facenti funzione di DSGA con almeno 3 anni di servizio;

- La valorizzazione professionale di tutto il personale docente e ata mediante lo stanziamento di ulteriori risorse aggiuntive in occasione del rinnovo del contratto nazionale di lavoro.



1 visualizzazione0 commenti