top of page

MOBILITÀ 2023-2024, LA SCELTA DELLE SEDI TRA PREFERENZE PUNTUALI E SINTETICHE

La scelta delle preferenze nella mobilità docenti 2023-2024 è molto importante per il raggiungimento dell’obietivo che il docente si è prefissato in fase di presentazione dell’istanza. Bisogna ricordare che per la scuola secondaria è possibile indicare, nella domanda di mobilità, sino ad un massimo di 15 preferenze, anche per l’infanzia e la primaria le preferenze esprimibili sono al massimo 15.

Tipologie di preferenze esprimibili

Nella domanda di mobilità docenti 2023/2024, la cui presentazione sarà attiva nella prima quindicina di marzo 2023, sarà possibile, per la scuola secondaria di I e II grado, indicare fino ad un massimo di 15 preferenze. Le preferenze esprimibili sono di tipo puntuale e di tipo sintetico.

Le preferenze puntuali sono quelle di scuola, le sintetiche sono distretti, comuni e province.

Bisogna sapere che la scuola secondaria di primo e di secondo grado, le modalità di assegnazione delle cattedre orario, sia nei movimenti a domanda sia nei trasferimenti d’ufficio, sono le seguenti:

1) in caso di preferenza puntuale (singola scuola o istituto) sono esaminate in stretto ordine sequenziale: a) le cattedre interne alle scuole; b) le cattedre orario esterne dello stesso comune; c) le cattedre orario esterne tra comuni diversi;

2) in caso di preferenza sintetica (comune, distretto, provincia) sono esaminate in stretto ordine sequenziale: a) le cattedre interne per ciascuna scuola o istituto compreso nella singola preferenza sintetica, secondo l’ordine del bollettino; b) le cattedre orario esterne con completamento all’interno del comune per ciascuna scuola o istituto, secondo l’ordine del bollettino; c) le cattedre orario esterne con completamento anche tra comuni diversi, secondo l’ordine del bollettino;

In caso di mancato soddisfacimento sulla preferenza esaminata, puntuale o sintetica, si procede all’esame delle successive preferenze, sempre secondo i sopra esposti criteri.

Quindi in un’unica domanda di mobilità territoriale si può richiedere la mobilità provinciale e quella interprovinciale.

Quini è utile ripeterlo, iacscun docente potrà esprimere con un’unica domanda fino a quindici preferenze indicando le scuole, ovvero un codice sintetico (comune o distretto) sia per la mobilità intraprovinciale che per quella interprovinciale; in tale ultimo caso sarà possibile esprimere anche codici sintetici di una o più province.

Codice puntuale potrebbe prevalere su codice sintetico

Supponiamo che in un dato comune X di una provincia Y, ci sono disponibili due cattedre in due scuole differenti A e B e due docenti C e D titolari entrambi nella provincia Y partecipano alla mobilità per ottenere la titolarità nelle cattedre A e B. Tenendo conto che il docente C, con punti 30, chiede, con codice puntuale, prima la scuola A e poi la scuola B, mentre il docente D, con 100 punti, chiede, con codice sintetico, il comune X in cui ci sono disponibili solo le cattedre A e B, si avrà che la cattedra A verrà assegnata al docente C che ha meno punti del docente D, al quale invece andrà la cattedra B. Questo è un esempio che fa comprendere come la preferenza puntuale potrà essere più favorevole della preferenza sintetica.

Bisogna comunque sapere, almeno di cancellazione totale di tutti i vincoli, che chi chiede preferenza puntuale di una scuola, in caso di ottenimento del trasferimento resta vincolato a quella scuola per un triennio. L’ottenimento del trasferimento tramite preferenza sintetica, nella mobilità di II fase (provinciale) non produce nessun vincolo.



13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page